FAQ – Domande frequenti

Chi siete?

Siamo un gruppo di medici, infermieri, tecnici, esperti in nutrizione, psicologi, musicisti e artisti.

Quale è lo scopo dell’associazione?

La promozione e la corretta informazione riguardo le Terapie Complementari (TC). L’associazione, inoltre, favorisce l’aggregazione, il dialogo e il confronto tra Pazienti, Familiari e Operatori Sanitari.

Cosa sono le Terapie Complementari?

Le TC sono una serie di pratiche e strategie terapeutiche eterogenee che integrano e si affiancano alle linee guida internazionali della buona pratica medica

Vi occupate anche di Terapie alternative?

No, assolutamente. Le terapie alternative per definizione si sostituiscono alla terapia convenzionale e non sono dunque contemplate nè condivise dall’Associazione.

Le TC sono validate scientificamente?

Alcune terapie complementari – come nel caso di regimi alimentari particolari, della musicoterapia e dell’agopuntura – hanno ricevuto, negli anni, una validazione della propria efficacia (ma solo in particolari condizioni!). In altri casi gli studi scientifici non hanno dimostrato efficacia terapeutica maggiore rispetto al placebo.

Noi, in ogni caso, ci occupiamo solo delle terapie che hanno avuto un riscontro scientifico unanime.

Ci sono discipline sono escluse dall’associazione?

Le attività dell’Associazione sono ispirate e guidate dal metodo scientifico. Non saranno dunque prese in considerazione:

  • Discussioni pseudoscientifiche (basate su premesse errate o prive di fondamento scientifico).
  • Terapie per le quali è stata ampiamente e universalmente dimostrata l’assenza di un qualunque effetto (es. omeopatia e tutta una lunga serie di altre discipline “naturali”, “olistiche” ecc.)
  • Terapie eticamente discutibili, o dannose (direttamente o indirettamente) o che ancora possono allonanare il Paziente dalle terapie tradizionali
  • Movimenti no-vax, no-mask e qualunque altra teoria o corrente priva di fondamento o francamente dannosa

A chi sono rivolte le attività dell’Associazione?

L’attività divulgativa e di promozione dell’Associazione interessa tanto i Pazienti quanto i Caregiver. Una corretta informazione trasversale è necessaria e propedeutica all’instaurazione di un legame terapeutico solido e fondato sulla fiducia reciproca, contrastando l’isolamento che solitamente consegue alla malattia.